We use cookies on this site to enhance your user experience. If you continue to browse, you accept the use of cookies on our site. See our cookies policy for more information.
Accept
Informazioni come orari al pubblico, giorni di chiusura e così via pubblicate sulle strutture e gli eventi turistici potrebbero cambiare.
Per informazioni aggiornate e più dettagliate s’invita a vedere il sito web ufficiale delle comunità, delle strutture turistiche locali e dei vari eventi.

TOYAMA x TOKYO

Paesaggi antichi nei colori stagionali
  • TOKYO
  • TOYAMA

Tema dell’itinerario panoramico

FOUR SEASONAL ANCIENT LANDSCAPES

I viaggiatori

  • Traveled : October,2022 BARON MATHIEU
    Manager editoriale & Business developer
    Risiede a Francia
  • Traveled : October,2022 Clémentine Cintré
    Caporedattrice di Voyapon
    Risiede a Tokyo
    Paese d'origine: Francia

Unica in quanto parte di uno dei 23 distretti di un’immensa metropoli come questa, la valle di Todoroki deve all’abbondanza di acqua e al suolo fertile la ricca e lussureggiante natura che le hanno fatto meritare la designazione di “luogo di bellezza scenica” dal Governo di Tokyo. Da qui, il viaggio conduce a Gokayama, sito patrimonio dell’umanità ove ancor oggi sorgono e continuano a trovare utilizzo pratico le caratteristiche abitazioni dal tetto di paglia spiovente, un tipico esempio di paesaggio e stile di vita rurale del Giappone di un tempo.

Official Tokyo Travel Guide
https://www.gotokyo.org/it/

Local government official website
http://www.toyamashi-kankoukyoukai.jp/en/

Aeroporto internazionale di Tokyomore

Aeroporto internazionale di Tokyo
Uno dei principali punti di accesso a Tokyo, conta diverse strutture commerciali e dalla piattaforma panoramica all'ultimo piano del terminal passeggeri, accessibile anche a chi non deve volare, si domina l'intera baia di Tokyo.

Area metropolitana di Tokyo

Primo giorno

TOKYO

Valle di Todorokimore

DESTINAZIONI RACCOMANDATE

Valle di Todoroki
Lunga un chilometro e una delle poche valli dell'area di Tokyo, è situata nella punta sud dell'altopiano di Musashino.
A tre minuti a piedi dalla stazione ferroviaria di Todoroki, una volta scesi i gradini all'ingresso del ponte del Golf si apre il sentiero che segue il fiume Yazawa nella sua corsa verso la pianura.
Subito si è accompagnati dal fruscio delle zelkove, delle querce e dei cornioli giapponesi mossi dal vento, dal mormorio delle acque e dal canto di svariati uccelli che rendono difficile pensare che in fondo ci si trovi proprio nell'area di Tokyo con tutto ciò che una metropoli così evoca.
  • BARON MATHIEU

    Valle di Todoroki: questo luogo è solo a 30 minuti dal centro di Tokyo. Sembra che, a causa dell’influenza della vegetazione e dei fiumi, sia un luogo più fresco rispetto alla città e può essere attraente in estate. Todoroki Fudoson è un punto molto bello, dove i visitatori possono essere interessati a fare una sosta per godere del luogo e per scattare alcune foto.

  • Clémentine Cintré

    Valle di Todoroki: Quando ho osservato per la prima volta la Valle di Todoroki dalla cima delle scale della Stazione Todoroki, che si trova a 15 minuti di viaggio in treno da Shibuya, non riuscivo a credere ai miei occhi. Nel cuore della città c’è una valle verdeggiante attraversata da un fiume. Si possono fare passeggiate nel fondo del burrone dove ci sono temperature inferiori di 2 °C a quelle dell’area circostante, in mezzo a una natura lussureggiante. Se è stata una camminata piacevole persino in un giorno piovoso di ottobre, posso immaginare come sarebbe particolarmente benvenuta nel pieno dell’estate calda e umida di Tokyo.

    Alla fine del percorso ci attendevano altre due soprese: Todoroki Fudoson, un tempio Buddista che domina la valle e il cui edificio principale ha come ingresso un sentiero illuminato da lanterne, e Nihon Teien, un giardino giapponese che offre un luogo di riposo prima di risalire il sentiero verso la città.

20 minuti in treno (linea non JR)

Meiji Jingumore

Meiji Jingu
Tempio scintoista eretto nel 1920 per ospitare lo spirito dell'Imperatore Meiji e della consorte Dowager Shōken, sorge in un vasto bosco artificiale di oltre centomila piante donate da ogni angolo del Giappone.
Ad ogni inizio d'anno richiama il maggior numero di fedeli di tutti i tempi di Tokyo per la cosiddetta hatsumode, la prima visita al tempio dell'anno.
  • BARON MATHIEU

    Meiji Jingu: uno dei santuari più belli e spirituali a Tokyo. Si trova in un’ottima posizione perché è vicino alla stazione Harajuku, il che facilita la visita per i turisti. Il giardino interno del Meiji Jingu è meraviglioso, mi sarebbe piaciuto trascorrere più tempo lì perché ha molte potenzialità e molte cose da scoprire.

  • Clémentine Cintré

    Meiji Jingu: Partiamo per il Meiji Jingu all’alba per godere al massimo della pace e della quiete. Ciò che mi ha colpita più di tutto, oltre alla bellezza degli immensi cancelli torii e ai templi, è stata la foresta. Sin dal completamento del Meiji Jingu nel 1920, quando furono piantati migliaia di alberi, la foresta è rimasta libera dalla mano dell’uomo. In seguito abbiamo visitato Meiji Jingu Gyoen, un tranquillo giardino giapponese commissionato dall’imperatore Meiji in modo che l’imperatrice Shoken fosse in grado di visitarlo per una passeggiata anche nelle sue condizioni di salute precarie. Durante la mia visita, all’inizio di ottobre, era forse troppo presto per le foglie autunnali, eppure il luogo era particolarmente rilassante, grazie alla varietà di piante e agli spazi raffinati che mi hanno dato una sensazione delle quattro stagioni in Giappone.

15 minuti a piedi

MIYASHITA PARKmore

MIYASHITA PARK
Il MIYASHITA PARK è un nuovo tipo di centro polifunzionale realizzato di fronte alla stazione di Shibuya. Oltre a una moderna area verde offre una moltitudine di negozi e un hotel, e portando nuova linfa vitale ed eccitamento a Shibuya, e per estensione a tutta Tokyo, oggi è uno dei maggiori luoghi ispirati agli scambi culturali e sociali.
  • BARON MATHIEU

    MIYASHITA PARK: questo parco è un punto di interesse a Shibuya ed è integrato con strutture commerciali e un albergo. L’albergo “sequenza MIYASHITA PARK” è molto comodo e la vista dalla nostra stanza era molto bella. La stanza era incredibile, non soltanto per il suo comfort, ma specialmente per l’ampia vista sulla città. Anche la vista dalla terrazza sul tetto del MIYASHITA PARK a Shibuya è suggestiva e ci sono attività interessanti per le famiglie con bambini. Inoltre, la maggior parte delle persone potrà provare a cimentarsi nella parete di arrampicata. Il “PARCO RAYARD MIYASHITA” è un luogo in cui si può mangiare e fare shopping, e vale assolutamente una visita.

    Pranzo a Sakura Teppanyaki: questo piccolo ristorante offre un’atmosfera intima. Il concetto di Teppanyaki è molto interessante per i turisti francesi perché non è comune nel nostro Paese. Il fatto di vedere lo chef che cucina davanti a noi e vicino a noi ci offre una sensazione estremamente gradevole e fa venire appetito. Il vitello e il St-Jacques erano deliziosi, le pietanze si scioglievano in bocca. Abbiamo avuto la possibilità di parlare con lo chef che era molto gentile e ci ha illustrato alcuni dettagli sulla sua cucina. Per me è stata un’esperienza veramente bella.

  • Clémentine Cintré

    MIYASHITA PARK: MIYASHITA PARK è stato aperto nel 2020 a Shibuya, a pochi passi dalla stazione e dalla famosa intersezione. Comprende un centro commerciale, un albergo, ristoranti...nonché il Parco Miyashita, che offre spazi pubblici verdi e piacevoli e attrezzature sportive. Sequence MIYASHITA PARK è un albergo che si affaccia sul parco, con stanze che vanno da stanze compatte e comode, ideali per gruppi di amici, a una suite di lusso che offre viste panoramiche eccezionali su Tokyo. Il caffè dell’albergo è aperto a tutti ed è frequentato da chi è attratto dalla sua posizione e dal WiFi. Anche il centro commerciale Rayard MIYASHITA PARK deve essere tenuto presente come una sede eccezionale per mangiare e per lo shopping.

    Pranzo a Sakura Teppanyaki
    Entrando a Teppanyaki Sakura, mi sono trovata circondata da un’ambiente elegante: illuminazione diffusa, tonalità di colori ramati, pareti di legno di ciliegio. Ci sono posti al bancone per 10 commensali che possono osservare lo chef mentre cucina prodotti attentamente selezionati sulla piastra di cottura. Questa prometteva di essere un’esperienza gastronomica straordinaria, e così è stato. L’abilità, la precisione e la passione con cui lo chef preparava le verdure, i prodotti ittici, il manzo wagyu e persino un dessert dorayaki caldo hanno aumentato ancora di più il mio apprezzamento del loro sapore.

Area metropolitana di Tokyo

  • BARON MATHIEU

    Cena: Barubora-ya, Shinjuku Golden Gai
    Il Golden Gai ha una storia antica che possiamo percepire quando vi entriamo e quando camminiamo nei suoi vicoli. Può attrarre molte persone che desiderano vedere un aspetto diverso di Tokyo e incontrare la gente del posto. Abbiamo provato e condiviso alcune porzioni di piatti diversi, quindi mi è piaciuto il concetto simile a quello delle tapas spagnole. In termini di piatti, la scelta era un po’ limitata (perché alcuni mancavano), sicuramente non è stato il pasto migliore che abbiamo fatto durante il viaggio in famiglia ma comunque non era affatto male. Il punto positivo è che c’erano alcune traduzioni inglesi e il proprietario è stato molto gentile con noi.

  • Clémentine Cintré

    Cena: Barubora-ya, Shinjuku Golden Gai
    Per cena, abbiamo scelto uno dei 300 bar e izakaya che popolano il distretto notturno di Golden Gai, Shinjuku. A causa delle loro dimensioni minuscole - non più di 12 posti - i turisti stranieri potrebbero avere qualche difficoltà a entrare. Tuttavia, il proprietario di Barubora-ya ci ha dato il benvenuto con un menu in inglese con figure: naturalmente bevande, ma anche semplici piatti da condividere, cucinati al momento in una calda atmosfera.

Secondo giorno

HOKURIKU(TOYAMA)

La Stazione di Tokyomore

La Stazione di Tokyo
Nell'ottobre 2012 sono terminati i lavori di restauro e preservazione dello storico edificio lato Marunouchi della stazione più importante di Tokyo, che ne hanno ripristinato la tanto cara facciata a mattoni rossi, suo autentico simbolo, e valorizzato svariati particolari architettonici per riportarla all'aspetto di grandiosità di un secolo fa, quando fu costruita. Con l'occasione hanno riaperto i battenti la Tokyo Station Gallery e il Tokyo Station Hotel, quest'ultimo primo e unico a sorgere in un'opera considerata importante patrimonio culturale del Giappone, con gli interni realizzati in un sofisticato stile neo-classico europeo proprio per armonizzarli con gli esterni dell'edificio di Marunouchi.

Treno ad alta velocità Hokuriku Shinkansen

  • BARON MATHIEU

    Shinkansen (Tokyo → Toyama): la qualità di questi treni è ottima, sono molto puliti, sempre in orario e hanno sedili comodi. Anche il design dello Shikansen è interessante, perché i treni europei hanno un aspetto molto diverso.

  • Clémentine Cintré

    Shinkansen (Tokyo → Toyama): Dopo aver trovato la nostra colazione ideale tra la grande varietà di opzioni offerte presso un chiosco ekiben (una contrazione di eki che significa “stazione dei treni”, ben l’abbreviazione di bento), siamo saliti sullo Shinkansen per Toyama. Le due ore di viaggio sono state appena sufficienti per sistemarci, fare colazione, leggere qualcosa e osservare i paesaggi in rapido movimento degli edifici di Tokyo, delle risaie e delle montagne.

Stazione JR di Toyama

20 minuti in treno (linea JR)

20 minuti in treno (linea non JR)

Costa di Amaharashimore

Costa di Amaharashi
Sia la vista dalla baia che si affaccia sulle scogliere sia quella della catena montuosa del Tateyama, a circa 3.000 metri di altezza, sono di una bellezza mozzafiato e in ogni stagione offrono spettacoli del tutto unici.
  • BARON MATHIEU

    Costa di Amaharashi: si tratta di una bellissima baia che offre uno splendido paesaggio (anche se non siamo riusciti a vedere la montagna chiaramente). Possiamo scattare belle foto da un punto situato all’interno della scogliera. La storia di Yoshitsune è interessante perché fa parte della cultura locale e i turisti francesi sono molto interessati a conoscere la cultura locale. Anche l’architettura dell’edificio situato davanti è originale e la vista è attraente.

    Tempio di Shokoji: è un bellissimo tempio. Ho avuto una bellissima sensazione camminando all’interno di questo tempio. La storia del tempio e del Buddhismo è interessante. Il fatto che vi fosse un’esposizione artistica all’interno del tempio è stata una cosa molto originale e attraente, che non avevo mai visto prima in Giappone.

    Pranzo: (Sushikin *Toyama Bay Sushi)
    Un pasto sorprendente e delizioso; mi è piaciuto provare i sushi della Baia di Toyama. Lo chef che cuoceva il pesce fresco davanti a noi è stata un’esperienza veramente piacevole! È bellissimo guardare lo chef tagliare il pesce con talento, era come assistere a una rappresentazione.

  • Clémentine Cintré

    Costa di Amaharashi: La Costa di Amaharashi a Takaoka offre una vista molto ricercata dai fotografi: un grande scoglio nel mare sormontato da un albero, con le montagne Tateyama che incombono alle sue spalle. Purtroppo non siamo riusciti a vedere le montagne durante la nostra visita a causa del tempo nuvoloso, ma questo non ci ha impedito di ammirare la baia, che viene considerata una delle più belle coste del mondo. Questa è stata l’ambientazione delle leggende sui samurai, ma è anche un vero e proprio tesoro di pesci, che sono stata in grado di gustare subito dopo. Dopo una passeggiata lungo la spiaggia, ci siamo fermati alla stazione Michinoeki Amaharashi lungo la strada. All’interno vi erano un caffè-ristorante, un negozio di souvenir con prodotti locali e una vista senza ostacoli della costa.

    Tempio di Shokoji: I dodici edifici del Tempio di Shokoji sono stati tutti designati come Beni culturali importanti e, anche se non ne avevo mai sentito parlare, il tempio è suggestivo tanto quanto altri che attraggono folle di visitatori. La sala principale, costruita alla fine del XVIII secolo, è modellata sulla Amida-do Hall a Nishi Honganji, Kyoto, ma gli altri edifici, compreso Kyodo, un tempio che ospita una biblioteca rotante di sutra, valgono la pena di una deviazione.

    Pranzo: (Sushikin *Toyama Bay Sushi)
    La Baia di Toyama arriva a profondità di oltre 1.000 m e in essa vivono almeno 500 specie di pesci e crostacei tra le 800 specie trovate in Giappone. La prossimità della costa a una tale abbondanza di pesci fa sì che i prodotti ittici arrivino eccezionalmente freschi nei mercati e nei ristoranti della regione. Saperlo mi ha fatto venire l’acquolina in bocca, quindi cosa c’era di meglio che un ristorante di sushi per apprezzare questi prodotti. Ciascun pesce o mollusco preparato dallo chef davanti a me è stato una vera sorpresa per il gusto e la consistenza, talmente delicati da non rendere neppure necessaria l’aggiunta di salsa di soia, una vera delizia. Toyama ha pubblicato una piccola guida per facilitare la comunicazione. Con la guida, è possibile indicare ciò che si desidera ordinare, oppure comunicare una preferenza o un’allergia alimentare - davvero un’iniziativa valida.

20 minuti in treno (linea non JR)

80 minuti in autobus

Gokayama (villaggio di case con tetto di paglia)more

DESTINAZIONI RACCOMANDATE

Gokayama (villaggio di case con tetto di paglia)
Un viaggio indietro nel tempo nel paesaggio incontaminato di Ainokura, nella regione di Gokayama, per vedere da vicino le famose case con il tetto di paglia spiovente. Circondati in ogni stagione da una natura splendida, oltre a dimenticare il trascorrere delle ore si è sempre immersi in una tranquillità quasi surreale. Il villaggio di sera è illuminato, il che contribuisce all’incanto che questa atmosfera fantastica trasmette con pieno appagamento dei sensi. Da non perdere è anche la vista di Ainokura dalla zona di osservazione sovrastante il villaggio. Le case in stile gasshō, un tipo di costruzione tradizionale che in Giappone si può trovare solo qui, sono ventitré, il cui insieme così delicatamente collocato tra i monti fa di Ainokura un vero gioiello di stile di vita popolare.
  • BARON MATHIEU

    Gokayama (villaggio di case con tetto di paglia): questo piccolo villaggio di Ainokura è particolarmente affascinante. L’architettura delle case è veramente speciale, è quella che abbiamo in alcune regioni della Francia, come la Bretagna. Abbiamo fatto una bella passeggiata con una splendida vista sul villaggio e sui paesaggi dall’alto. Penso che i turisti possano avere piacere a rilassarsi lì per 1 o 2 notti.

  • Clémentine Cintré

    Gokayama (villaggio di case con tetto di paglia): Avendo già visitato Shirakawa-go, desideravo proprio scoprire Gokayama, l’altro villaggio elencato tra i siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO per le sue case Gassho-zukuri e i paesaggi incontaminati. Mi hanno detto che il villaggio di Ainokura poteva essere più piccolo del suo più famoso vicino, ma valeva egualmente la pena di visitarlo - ed è stato così. Si tratta di un gruppo di 20 case, ciascuna con il tetto di paglia che è tipico della regione. Eppure questo paesaggio senza tempo, con i suoi santuari e templi, i muri di pietra e le risaie, non è un museo ma un piccolo borgo vitale. Si può partecipare a un workshop per creare carta washi, assaggiare le specialità locali in uno dei suoi due ristoranti o anche fermarsi in uno dei suoi sei ryokan (locande).

60 minuti in autobus

20 minuti in treno (linea JR)

30 minuti in treno (linea non JR)

  • BARON MATHIEU

    Cena in albergo: Enraku, alle sorgenti termali Unazuki
    una bella tavola, solo vederla dà un’ottima sensazione; possiamo vedere tutto il lavoro che è stato fatto per offrire questo pasto. Il Ryokan era molto bello, il fatto di avere tanti piatti con piccole porzioni non è comune e abbiamo potuto godere di un’autentica esperienza giapponese. Il cibo era delizioso, la qualità del servizio (in particolare dai camerieri) era perfetta, ho veramente assaporato il momento!

    Alloggio: Enraku, sorgenti termali Unazuki
    Il fatto di dormire sul tatami per me è unico, dà un'esperienza molto locale. La stanza era bellissima e ho dormito bene sul futon. Le onsen erano molto accoglienti.

  • Clémentine Cintré

    Cena in albergo: Enraku, alle sorgenti termali Unazuki
    Dopo il meraviglioso sushi consumato a pranzo, non vedevo l’ora di scoprire che cosa mi aspettava per la cena. Non sono rimasto delusa. La cena, servita nella sala da pranzo privata dell’albergo, il ryokan Enraku, è stata una vera festa. Si trattava della cucina kaiseki, un pasto composto da molti piatti per poter assaggiare le specialità locali di stagione cucinate in molti modi. La maggior parte dei piatti rifletteva i gusti delicati dei prodotti della Baia di Toyama, con l’aggiunta di alcuni piatti autunnali.

    Alloggio: Enraku, sorgenti termali Unazuki
    Il ryokan Enraku, situato nel resort delle sorgenti termali di Unazaki Onsen, fornisce un’ambientazione che è raffinata quanto la sua cucina. La stanza tradizionale in cui ho dormito era spaziosa e dominava la gola di Kurobe, che avremmo visitato il giorno successivo. Sono stata ispirata a provare la piscina termale dello stabilimento sia alla sera sia alla mattina, dato che i due bagni all’aperto alternano tra uomini e donne, offrendo ciascuno un’esperienza diversa. Uno è tradizionale, circondato da grandi massi, mentre l’altro è moderno, rivestito di legno di cipresso dal pavimento al soffitto, che emana una fragranza affascinante.

Terzo giorno

Treno della gola di Kurobemore

Treno della gola di Kurobe
Piccolo e con alcune carrozze scoperte, attraversa la più grande gola rocciosa del Giappone. Anch'esso in funzione da circa 100 anni, questo treno fu inizialmente costruito per trasportare gli operai e le forniture necessarie per la costruzione della centrale elettrica sul fiume Kurobe. Oggi è uno dei treni turistici più famosi del Giappone, e non solo perché funzionando tutto l’anno offre uno spettacolo che cambia ad ogni stagione, ma anche per l’opportunità di provare l’onsen di ciascuna stazione e avvertire con tutti i sensi una rustica bellezza consolidatasi negli anni.
  • BARON MATHIEU

    Treno della gola di Kurobe: tutti i paesaggi sono bellissimi e selvaggi; possiamo vedere la natura tutto intorno a noi. Questo ci fornisce una splendida sensazione di libertà e pace che ho molto apprezzato. Dopo la passeggiata, il paesaggio dalla cima della gola di Kurobe offre una vista straordinaria perché la diga è molto grande. Anche la storia di tutte le fasi di costruzione è interessante, perché possiamo comprendere meglio quanto sia stato difficile crearla.

    Pranzo: Rest-in Keyaki (Keyakidaira Sta.)
    Abbiamo fatto un pranzo delizioso, con tutte quelle buone piccole porzioni, e ho gustato davvero il mio pasto. La vista dal ristorante è piacevole.

    Healthian-wood: l’architettura del posto è molto speciale e unica, credo. Il ristorante è veramente particolare e lo si sente. Il concetto di questo posto è molto interessante per le persone che cercano un posto per rilassarsi e che desiderano fuggire dalle grandi città. Qui è possibile rapportarsi alla natura.

  • Clémentine Cintré

    Treno della gola di Kurobe: Sono salita con una eccitazione quasi da bimba sul piccolo treno “Torokko” che attraversa la gola di Kurobe passando tra i suoi vari paesaggi. Dopo 1 ora e 18 minuti, siamo arrivati a Keyakidaira, il punto di partenza per appassionati di passeggiate ed escursionisti. Questa è stata un’opportunità per vedere alcuni macachi giapponesi da vicino, per quanto non sembrassero particolarmente disturbati da noi (e in stazione mi hanno assegnato un certificato per essere riuscita a fotografarli!) Scoprendo che i sentieri conducevano a varie sorgenti termali, abbiamo fatto una pausa non programmata a Meiken Onsen, a soli 15 minuti di cammino dalla stazione, per un’immersione all’aperto nelle acque a 40 °C con una vista dominante sulla gola...una cosa così piacevole da essere passata improvvisamente in cima all’elenco delle esperienze preferite di sempre!

    Pranzo: Rest-in Keyaki (Keyakidaira Sta.)
    Prima del ritorno con il treno, abbiamo pranzato al Rest-in Keyaki alla stazione Keyakidaira. Qui sono offerti tutti i tipi di piatti giapponesi, mentre è possibile osservare la gola attraverso le grandi vetrate: udon, soba, curry e, soprattutto, il famoso “ramen nero” di Toyama con il suo brodo scuro e saporito. Da parte nostra, abbiamo gustato un bento accompagnato da una varietà di specialità locali, un ottimo modo di scoprire la cucina regionale, disponibile per i gruppi con una prenotazione.

120 minuti in treno (linea non JR)

  • BARON MATHIEU

    Cena in albergo: Mori no Kaze Tateyama
    La cena era deliziosa, c’erano molte porzioni (non è stato facile finire tutto). Il gusto e la qualità erano perfetti. La stanza privata non è molto comune, quindi ho apprezzato quest’atmosfera intima. Anche la qualità del servizio era ottima.

    Alloggio: Mori no Kaze Tateyama
    Una buona posizione, belle stanze grandi. La temperatura era leggermente fredda durante la notte. L’onsen era grande, c’erano vari bagni all’interno e un bagno all’esterno. Mi sono davvero divertito a rilassarmi e a passare il tempo guardando il cielo; per me è stata una delle migliori sensazioni del viaggio, perché alla fine mi sono sentito così leggero.

  • Clémentine Cintré

    Cena in albergo: Mori no Kaze Tateyama
    Quella sera, all’albergo Mori No Kaze Tateyama, ci hanno servito un’altra cena kaiseki in un’elegante sala da pranzo privata. Il gustoso menu, composto da una grande varietà di piatti, offriva una profusione di prodotti locali di stagione, dai classici sashimi e tempura ad altri sapori e consistenze ancora più sorprendenti. È stata un’esplorazione degli aspetti meno conosciuti della cucina giapponese.

    Alloggio: Mori no Kaze Tateyama
    L’albergo Mori No Kaze Tateyama, situato vicino all’inizio della strada alpina Tateyama-Kurobe, unisce un servizio di alta qualità e una struttura molto accogliente per le famiglie: aree di gioco per i bambini, sale per la famiglia e una grande sorgente termale dove è possibile provare tutti i tipi di bagni termali. La varietà di stanze e spaziose suite fa sì che ognuno possa trovare quello che desidera: stanze tradizionali giapponesi con futon o letti, stanze di tipo occidentale e anche alcune “ville” con vasca e piattaforma privata.

Quarto giorno

Strada alpina Tateyama Kurobemore

Strada alpina Tateyama Kurobe
È il percorso panoramico che attraversa le Alpi giapponesi a una quota di circa 3 mila metri. Toccando diversi monti, per mezzo di funivie, teleferiche e filobus si assiste a una grande varietà di viste molto suggestive. Numerosi sono i tragitti possibili, da quelli per principianti a quelli per scalatori esperti, alcuni per facili escursioni e altri per arrampicate impegnative. Il percorso tocca altresì la diga più alta, la stazione più elevata in quota e il rifugio più antico del Giappone, nonché una varietà di altri luoghi di primario interesse turistico che nel complesso aiutano a godere appieno delle bellezze che la natura sa offrire nelle quattro stagioni.
  • BARON MATHIEU

    Strada alpina Tateyama Kurobe: abbiamo visto molti splendidi paesaggi dall’interno dell’autobus. A volte è stato un peccato non poterci fermare e andare fuori a scattare alcune foto. All’arrivo, abbiamo potuto sentire e respirare direttamente l’aria pura. Le spiegazioni della guida erano totalmente chiare e interessanti. La passeggiata era bella, intorno al lago abbiamo avuto una visione meravigliosa dei paesaggi circostanti. Poiché la diga è così grande, la vista dalla cima della gola di Kurobe dopo la passeggiata è spettacolare. Anche la storia delle fasi di costruzione della diga è interessante, poiché offre una buona idea di quanto sia stato difficile costruirla. In seguito, la camminata è stata un po’ più complicata quando siamo scesi verso la grotta. Per tutti gli amanti della natura, questa visita è particolarmente attraente e può dare molte soddisfazioni.

    Cena: Ekiben, ecc.
    I negozi all’interno della stazione sono (di solito) forniti di molte varietà di bento e cibi locali a prezzi ragionevoli e la qualità è buona (è molto più economico della Francia, perché in Francia ci sono solo pochi negozi/scelte e questo rende i prezzi molto costosi rispetto alla qualità). C’erano molti articoli da regalo locali da poter comprare e questo è molto attraente per i turisti (ho comprato persino alcuni souvenir omiyage locali per i miei collaboratori giapponesi). La stazione in sé stessa è molto pulita, non come in Francia, anche le toilette sono sempre pulite e lo apprezzo molto. Ho un’impressione molto positiva sulla stazione, per i fumatori è possibile trovare anche una sala fumatori sui marciapiedi della stazione, quindi la qualità di servizio è molto buona!

  • Clémentine Cintré

    Strada alpina Tateyama Kurobe: Il nostro ultimo giorno era dedicato alla strada alpina Tateyama-Kurobe, che conoscevo dalle foto di muri di neve alti più di 10 metri che torreggiano su parti della strada in primavera. Ma sono stata felice di sapere che una visita estiva era altrettanto raccomandata, come lo è una gita per vedere le foglie che cambiano colore in autunno prima di quanto accada a Tokyo. L’inizio di ottobre era il momento ideale per questo, e siamo stati fortunati avendo un tempo magnifico. Mentre molte parti delle montagne Tateyama sono amate dagli escursionisti, la strada alpina, con le sue diverse modalità di trasporto, consente a tutti di scoprire paesaggi e montagne senza troppa fatica, con soste e passeggiate in varie località lungo il percorso. Il percorso attraversa le montagne sacre di Tateyama e i loro stupefacenti paesaggi vulcanici che si innalzano oltre 3.000 metri, nonché la diga Kurobe, la più grande del Giappone, imponente per le sue dimensioni, la potenza di scarico e la scala della sua costruzione, che ha richiesto almeno 10 milioni di lavoratori.

    Cena: Ekiben, ecc.
    Dalla strada alpina Tateyama-Kurobe abbiamo preso un autobus per la stazione Nagano, dove ho potuto comprare un ekiben ricco di sapori locali prima di imbarcarci sullo Shinkansen verso Tokyo. È stato un viaggio di circa 1,5 ore, durante il quale ho potuto godere con calma della mia cena mentre riflettevo sugli ultimi quattro giorni dal comfort del mio sedile.

100 minuti in autobus

JR Hokuriku Shinkansen

Stazione di Tokyo

  • BARON MATHIEU

    È stato un fantastico viaggio in famiglia, ho scoperto cose nuove a Tokyo e a Toyama. Tutti i ristoranti e i cibi che abbiamo provato sono stati deliziosi. Il Teppanyaki e il Sushi sono cibi autentici del Giappone e sono convinto che la maggior parte delle persone può apprezzarli. A Tokyo, c’è un’abbondanza di natura non lontano dal centro della città e questo serve da molti anni come fonte di salute e rilassamento per la gente. Inoltre, sono stati creati nuovi punti che combinano varie strutture, non mi stancherei mai di visitarli tante volte. La natura è presente ovunque a Toyama e, secondo me, questo è un fatto molto positivo perché dopo aver visitato le principali grandi città (come Tokyo, Kyoto, Osaka), a molte persone piacerebbe scoprire alcuni luoghi remoti. In particolare, il tempio di Shokoji è uno dei punti salienti, perché è un luogo spirituale ed è parte della cultura giapponese, quindi tutti possono essere interessati a visitarlo. Questo è il motivo per cui penso che la Prefettura di Toyama sia una località molto attraente. Per il suo aspetto sensazionale, la gola di Kurobe è un luogo spettacolare nella natura dove si può fare una passeggiata e contemplare la potenza dell’acqua. Secondo me, Tokyo e Toyama possono essere una buona combinazione per un viaggio.

  • Clémentine Cintré

    Il viaggio è stato un’esplorazione della natura che è stata preservata al centro di Tokyo, nonché di Toyama, facilmente accessibile dalla capitale. Ogni nuova destinazione è anche un’opportunità di imparare di più sulla storia e la cultura locale, senza parlare delle indimenticabili esperienze culinarie, grazie alla qualità dei prodotti e al talento degli chef locali.

LE RACCOMANDAZIONI DI ALTRI VIAGGIATORI

Ho già visitato questi due luoghi nel passato e mi fa sempre piacere promuovere il Giappone sul mercato che parla francese

BARON MATHIEU
Manager editoriale & Business developer
Risiede a Francia
  • Hobby

    Promozione del turismo

  • Numero di viaggi in Giappone

    più di venti volte l'anno

LE RACCOMANDAZIONI DI ALTRI VIAGGIATORI

Tokyo è una città di eccessi e rumore che ci affascina con i suoi grattacieli, i suoi cartelloni e le sue folle. Eppure, come scopriamo in questo viaggio, è possibile anche trovare luoghi di natura e di pace nella città. È altrettanto semplice salire sullo Shinkansen per raggiungere i grandi paesaggi naturali, la cultura e la cucina della Prefettura di Toyama, a sole due ore di distanza.

Clémentine Cintré
Caporedattrice di Voyapon
Risiede a Tokyo
Paese d'origine: Francia
  • Hobby

    Viaggio in Giappone

  • Permanenza a Tokyo

    Cinque anni

Altri itinerari raccomandati nella stessa area

Condividi questa pagina!

Mezzi di trasporto raccomandati

Itinerari più lunghiNuovi!

Itinerari raccomandati

Altri itinerari

Back to Top

COPYRIGHT © HOKURIKU × TOKYO ALL RIGHTS RESERVED.